Aria condizionata in appartamento: le migliori soluzioni

Ti piacerebbe climatizzare il tuo appartamento per ottenere una temperatura temperata, invernale ed estiva al tuo interno? Sì... ma non sai quali sono i tuoi diritti e doveri nei confronti della comproprietà dell'immobile o del tuo locatore.

Non preoccuparti, ogni caso ha la sua soluzione!

Abbiamo preparato un piccolo confronto tra le diverse opzioni (condizionatore d'aria mobile senza unità esterna o condizionatore d'aria split) e i nostri consigli in base alla tua situazione.

Spieghiamo vantaggi e svantaggi dei diversi tipi di climatizzatori per appartamenti in modo che tu possa trovare il modo migliore per climatizzare il tuo. E per vedere perfettamente bene, ti ricordiamo anche i vincoli da rispettare a livello di edificio, il fiduciario, il tuo padrone di casa se sei un inquilino, i vicini e il municipio per una climatizzazione senza pensieri!

Opzione 1: installa un condizionatore d'aria senza unità esterna nel tuo appartamento

appartamento climatizzato

È possibile climatizzare rapidamente un appartamento senza dover chiedere il permesso a nessuno acquistando un climatizzatore monoblocco . Questo tipo di climatizzatore è costituito da un unico dispositivo mobile all-in-one che viene posizionato nella stanza che si desidera climatizzare.

Vantaggi del condizionatore mobile

- Nessun permesso necessario

Non essendo presente unità esterna da posizionare davanti all'immobile, non è necessario richiedere l'autorizzazione al sindacato della comproprietà, al municipio o al proprio padrone di casa per utilizzare questa soluzione di climatizzazione.

Fai esattamente quello che vuoi all'interno della tua casa, purché la tua aria condizionata non superi i livelli di rumore accettabili per i vicini , ovviamente.

- Climatizzazione facile e veloce a un costo inferiore

Non c'è bisogno di assumere un professionista della climatizzazione per installare questo tipo di condizionatore portatile. Puoi acquistarlo da solo e installarlo in pochi minuti senza alcuna conoscenza. È il metodo di climatizzazione più economico e semplice da installare.

Svantaggi del condizionatore mobile

- La vista e il rumore all'interno dell'appartamento per un risultato minore

Questo tipo di dispositivo all-in-one è spesso poco attraente, ingombrante e rumoroso, perché il motore si trova all'interno della stanza che stai cercando di raffreddare invece di essere spostato fuori casa. Inoltre è generalmente meno efficiente e consente di raffreddare solo una stanza.

- Il problema del condotto di evacuazione

Inoltre, se il condizionatore monoblocco non necessita di forare una parete per fissarlo, è comunque necessario pensare al condotto di evacuazione che deve permettere di evacuare l'aria calda verso l'esterno dell'appartamento. È quindi necessario posizionare il condotto in modo che attraversi ad esempio una finestra aperta, un condotto di evacuazione o un camino. Basti dire subito che il fodero che attraversa la stanza è tutt'altro che estetico, può essere proibitivo se tieni al suo arredamento.

Se invece devi aprire una finestra per far passare il condotto di scarico dell'aria calda all'esterno, il calore proveniente dall'esterno può rifluire nella stanza da raffreddare. Questo è l'intero paradosso! Per questo è consigliabile acquistare anche qualcosa per sigillare la finestra attorno al condotto per evitare che la finestra aperta riscaldi la stanza che si sta cercando di raffreddare.

Raccomandazioni

Il climatizzatore monoblocco è una soluzione aggiuntiva a un costo inferiore.

Può essere una soluzione interessante pur ottenendo l'accordo della comproprietà per installare un sistema di climatizzazione più durevole, design ed efficiente.

Opzione 2: Installa l'aria condizionata nel tuo appartamento con un motore remoto all'esterno, sulla facciata, sul balcone o sulla terrazza

Per evitare i problemi del climatizzatore monosplit, e beneficiare di un impianto di climatizzazione più efficiente, è naturalmente preferibile installare quando possibile un impianto di climatizzazione split o multisplit.
Questi climatizzatori sono costituiti da almeno 2 dispositivi: un piccolo dispositivo posizionato sulla parete del/i locale/i da raffreddare (il diffusore), e un secondo dispositivo posizionato all'esterno dell'abitazione (il compressore). Il blocco esterno contiene il motore e un ventilatore preposto all'evacuazione dell'aria calda all'esterno dell'appartamento. I due dispositivi sono collegati da una guaina che solitamente viene incassata nel muro o nel pavimento dell'appartamento per renderlo invisibile.

Vantaggi del climatizzatore split o multisplit con unità esterna

- L'arredamento e la calma nell'appartamento

Ci sono molti vantaggi quando sei nel tuo appartamento. L'unità interna del climatizzatore split è molto più discreta e di design ed evita il condotto di evacuazione che attraversa il soggiorno. Inoltre, il fatto che il motore venga spostato all'esterno dell'appartamento rende l'apparecchio molto meno rumoroso all'interno della stanza.

- Spettacoli

Anche le prestazioni dell'aria condizionata sono superiori ed è possibile raffreddare più ambienti con un'unica unità esterna (condizionatore multisplit).

- Puoi anche riscaldarti in inverno

Infine, se si sceglie un climatizzatore cosiddetto "reversibile", lo si può utilizzare non solo nella versione aria condizionata per raffreddare l'appartamento in estate, ma anche nella versione riscaldamento, per riscaldare l'appartamento in inverno.

Svantaggi del condizionatore split

- Vincoli da rispettare

È comprensibile, il fatto di deportare all'esterno dell'appartamento il gruppo motore dell'aria condizionata genera molto confort per gli abitanti all'interno, ma questo crea improvvisamente dei vincoli da rispettare nei confronti dell'esterno (comproprietà dell'immobile , municipio, ecc.) che descriveremo in dettaglio di seguito.

- Installazione più lenta

Inoltre, questo tipo di installazione richiede l'intervento di un professionista e quindi richiede spesso più tempo.

Raccomandazioni

Il climatizzatore split o multisplit è la soluzione preferita se si desidera un sistema di climatizzazione durevole, efficiente e discreto.
Ma prima di installarlo nel tuo appartamento, non dimenticare di contattare il tuo padrone di casa se sei un inquilino e di verificare preventivamente cosa è possibile fare a livello di comproprietà dell'edificio e del municipio.
E per far fronte all'inquinamento visivo e acustico sul tuo balcone o terrazzo, è consigliabile utilizzare una copertura per l'aria condizionata di qualità che lo nasconda e ne riduca il rumore senza interferire con il suo funzionamento.

copertura del condizionatore sulla terrazza del balcone

Promemoria delle autorizzazioni necessarie per installare un condizionatore da esterno sulla facciata del tuo edificio, sul tuo balcone o sul tuo terrazzo

1) Il municipio: richiedere la convenzione urbanistica tramite la "Dichiarazione preliminare"

L'articolo R. 421-17 del codice urbanistico prevede che l'installazione di un condizionatore esterno sulla facciata dell'edificio presuppone il deposito di una dichiarazione preliminare presso il vostro comune.
Quest'ultimo ha quindi un mese per risponderti e se non lo fa entro questo periodo, vale la pena acconsentire.

2) Il co-pro e il fiduciario dell'edificio: regolamento dei co-pro e voto in GA

Se intendi modificare le aree comuni per climatizzare il tuo appartamento, ad esempio forando una facciata dell'edificio per riparare il blocco esterno dell'aria condizionata, allora è obbligatorio il contratto di comproprietà.
Se si prevede semplicemente di posizionare il blocco esterno sul balcone o terrazzo, in questo caso l'autorizzazione del copro non è obbligatoria (a meno che il regolamento del copro non classifichi i balconi come aree comuni).
La prima cosa da fare è quindi leggere attentamente il regolamento di comproprietà. Tanto più che può imporre vincoli specifici in questo ambito o, al contrario, autorizzare di default l'installazione di condizionatori da esterno.
Se l'accordo di comproprietà si rivela necessario, in questo caso sarà necessario far votare il progetto in GA e quindi ti consigliamo di farlo con largo anticipo e di preparare un argomento che dimostrerà che il tuo progetto non influirà troppo sull'edificio per massimizzare le tue possibilità di successo (pensa alla copertura del condizionatore d'aria esterno ).

Quali obblighi nei confronti dei vicini dell'edificio?

Tecnicamente, non è necessario raccogliere il consenso dei vicini prima di installare un climatizzatore, anche splittato. D'altra parte, pensa in anticipo al modo migliore per installarlo per evitare che l'aria condizionata generi inquinamento acustico in casa che potrebbe essere qualificato come un disturbo anomalo del vicinato. In effetti, al di là dei problemi legali che questo può causarti, si tratta anche di andare d'accordo con loro.

Per saperne di più e percorrere serenamente tutti questi passaggi (municipio, copro, vicini, ecc.) leggi il nostro articolo dettagliato sulle autorizzazioni e vincoli specifici da rispettare per l'installazione di un condizionatore da esterno .

E sappi che l'installazione di una copertura esterna per l'aria condizionata generalmente aiuta molto a ottenere l'accordo del municipio e della comproprietà in quanto consente di nascondere l'apparecchio e ridurre l'inquinamento acustico.

Installa l'aria condizionata nel tuo appartamento quando sei un inquilino

Non c'è bisogno dell'accordo del proprietario per installare un climatizzatore monoblocco nel suo appartamento

Infatti, trattandosi di un dispositivo mobile che non modifica la struttura dell'appartamento e non incide sulla comproprietà, l'inquilino non deve chiedere l'autorizzazione al suo proprietario e può liberamente utilizzarlo.

Condizionatore split: chiedi al suo proprietario di prendere le misure necessarie

Se invece un inquilino desidera installare un condizionamento split composto da un'unità interna e un condizionatore situato all'esterno dell'appartamento, deve poi chiedere al suo padrone di casa di eseguire le richieste di autorizzazione a livello condominiale.[/vc_column_text ]